Diario di Paola - giorno 4

Erotic Forums Erotic Stories Real Stories

happysun980
Τρίτη 29 Απριλίου 2014

L’avevo incontrato di nuovo dopo quasi un anno, dall’ultima volta che durante un ferragosto le ero sfuggita di mano, proprio quando stava per baciarmi in spiaggia durante il falò. Ricordo che era durissimi sotto i pantaloncini, sentivo il membro eretto e duro sfregarsi su di me, mentre giocavamo a chi perdeva la calma prima dell’altro. Proprio nel momento in cui stava per baciarmi, la mia amica mi chiamò e io lo lasciai li in tronco, mi alzai e andai via con la mia amica.

Ora era li a quel matrimonio di amici in comune, seduto lateralmente durante la messa, in una delle panchine dalla parte dello sposo, quasi in fondo alla chiesa. Non mi aveva visto. Ero andata a salutare degli amici vicino all’altare, lui, in fondo alla chiesa chiacchierava con della gente adulta, forse qualche parente dello sposo. Decisi di sedermi vicino a lui. Ritornai all’ingresso della chiesa, mi nascosi dietro un energumeno mentre la sposa entrava e quando tutti furono seduti, con nonchalance mi andai a sedere vicino a lui. Abitino azzurrino aderente a tubino, molto leggero, niente reggiseno come sempre.

Gli passai davanti portandogli il culo davanti alla faccia. E mi sedetti a lato. Lui mi riconobbe subito e mi fece un bel sorriso di benvenuto. Io ricambiai il sorriso e gli misi la mano sulla gamba in segno d’affetto.

La messa cominciò lunga ed estenuante come tutte le messe di matrimonio. Ricordavo che impazziva per le mie mani e decisi di giocare. Cominciai ad accarezzarlo sulla gamba, direttamente nell’interno coscia, lui mi guardò un attimo poi mi fece fare. Mise la sua mano sul ginocchio proprio a nascondere la mia che se ne stava ferma sul suo interno coscia, vicino all’inguine. Facevo dei piccoli grattini, e a volte alzavo l’indice alla ricerca del suo pisello. Gli si rizzò quasi subito e già appena ci alzammo per far finta di seguire la messa, notai il suo comportamento teso a camuffare il rigonfiamento. Mi guardò, io ricambiai lo sguardo e sorrisi.

Ci risedemmo e io riportai la mano al suo posto, sbagliando però con il pollice toccai la punta del pisello che si insinuava nel pantalone. Non spostai la mano, ma tenni il pollice li e con le unghie facevo i grattini attorno.

Arrivò il momento dello scambio delle fedi e tutti ci alzammo. Io da lontano non vedevo così salii sull’inginocchiatoio, ma siccome con i tacchi perdevo l’equilibrio, mi appoggiai a lui, e lui non perse tempo ad appoggiarsi a me e farmi sentire il frutto dei miei grattini.

Terminata la messa uscimmo, le foto di rito, il riso, il viva gli sposi.

Mi propose di andare alla villa e seguire gli sposi mentre facevano le foto, io accettai, era una cosa che mi piaceva nei matrimoni, e comunque ero venuta sola e le mie amiche o erano fidanzate, o non avevo un buon feeling, insomma, preferivo la sua compagnia.

Chiacchierammo del più e del meno, ci strusciavamo, io lo toccavo facendo la mano morta, e lui stava al gioco.

Mi feci fare qualche foto, lui mi diceva come mettermi, ed era contento di quello.

Mi fece i complimenti per il sedere, criticandomi per il tanga, perché si notava col vestito aderente. Io sorrisi, lo guardai, e, presi la palla al balzo: ok allora lo tolgo, e aspettato che passasse una coppia me lo sfilai senza problemi. Poi mi avvicinai a lui glielo feci odorare, lui lo morse e mi mise una mano in mezzo alle gambe, mi solletico col dito sulla fessura, poi mi prese il tanga e se lo mise in tasca.

Adesso tocca a te gli dissi. Lui per tutta risposta mi disse di continuare a fare foto, non era ancora arrivato il momento. Così mi misi vicino ad una scala nascosta da una siepe e mi alzai il vestitino mostrando la passera, poi portai le mani ai capelli e li alzai. Lui scattò dapprima considerando lo sfondo, poi primi piani anche solo alla passera.

Mi ricomposi, e gli tolsi la macchina fotografica, la misi al collo, poi mi avvicinai a lui, lo strinsi, e, toccandogli il pisello gli dissi: ora tocca a te. Così, gli abbassai la cerniera, spostai le mutande e tirai fuori il pisello non del tutto eretto; alternai alcuni colpetti a grattini sul pisello, finchè non fu eretto. Quando passava gente ci abbracciavamo, in modo da tenere il pisello ben nascosto. Quando lo sentii pronto gli tirai ben fuori i testicoli e feci un passo indietro: tocca a te!

Lui come se niente fosse, si spostò, si mise vicino alla siepe e aspettò le mie foto. Così le feci. Poi si tolse la giacca rimanendo in camicia e cravatta, e continuò a farsi fotografare. Mise la giacca attorno al braccio a penzoloni, nascondendo così il pisello, poi mi si avvicinò, mi prese braccetto e mi invitò a passeggiare: cambiamo zona per fare le foto. Col pisello di fuori girava per la villa, io estasiata di lui che ogni tanto mi spingeva la mano verso il suo membro. Ad un certo punto vide passare una coppietta e li invitò a farci una foto, io gli diedi la macchina fotografica, e poi mi abbracciai a lui, che per tutta risposta mi abbracciò appoggiandomi il membro addosso, con molta attenzione per non farsi scoprire, mi piaceva quel gioco, quell’esibizionismo.

Riprendemmo la macchina fotografia, e ci mettemmo in cammino verso l’auto era tempo di andare alla sala ricevimenti.

Senza pudore continuò a camminare col pisello di fuori. Quando arrivammo in auto il suo cazzo si era ammosciato, stava per risistemarsi, quando lo invitai a tenerlo fuori durante la guida. Lui sorrise e invito me a fare altrettanto. Così tolsi le scarpe e alzai il vestitino, divaricai bene le gambe in modo che fossi totalmente nuda e lui potesse vedere bene.

Gli presi l’uccello, massaggiandoglielo dolcemente mentre con l’altra mano mi massaggiavo io, a volte gli prendevo la mano e la usavo per toccarmi, altre volte quando lui avanzava con la mano gliela tiravo indietro. Decidevo io se e quando poteva. Ad un certo punto cominciò a rallentare, a essere scomodo irritato, mi tolse la mano, mi disse che stava per venire. Così tolsi la mano e lo feci rasserenare. Restò duro per un po’ scappellato, finché non arrivammo al parcheggio del locale e mi disse che doveva sborrare, così gli feci capire che ci avrei penato io: mi misi rannicchiata sul sedile e lo presi in bocca, lo sentivo ansimare, completamente abbandonato sul sedile, finchè le sentii mugolare e un fiotto caldo arrivarmi in gola. Lo feci svuotare tutto, lo succhiai per bene per svuotarlo e poi aprì lo sportello e sputai tutto. Ci risistemammo, scendemmo dall’auto e ci dirigemmo al locale. Prima di lasciarlo per andare a ricompormi in bagno gli dissi: non è finita!

Puoi scommetterci, fu la risposta.

Empty Avatar

bel gioco